Team

Sappiamo raccontare storie perché ne abbiamo vissute tante.

Questi siamo noi: siamo fatti di memorie, sogni, oggetti che amiamo, passioni e ossessioni. E brand che ci raccontano a loro volta.

La nostra è una squadra solida e compatta, arricchita costantemente da professionisti e collaboratori che rendono il nostro team libero, fluido e pulsante di creatività.

Il nostro Team

Anna Frandino

Founder e Producer

close

Anna Frandino

Founder e Producer

Conseguita la laurea in International Business, la forte passione per il cinema porta Anna a Roma dove viene ammessa al prestigioso Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma per ottenere il Master in Produzione cinematografica.

Dopo alcuni anni lavorando nella produzione cinematografica a Roma e Torino, Anna passa al settore della produzione in una prestigiosa società pubblicitaria, dove sviluppa e affina ulteriormente le sue competenze nella gestione di progetti audiovisivi e advertising.

Nel 2011 fonda Officina38, casa di produzione video creativa, specializzata nella ideazione e realizzazione di commercials, films, corporate videos e contenuti video.

Gli oggetti che mi rappresentano:

Braccialetti di festival musicali: non c’è niente che ti faccia sentire più viva che una tre giorni di concerti dal vivo…. a parte una 3 giorni di shooting pubblicitario.

Tennis: lo sport più bello da giocare, lo sport più bello da guardare.

Mark Twain: lo amo come autore, lo imito come viaggiatore. Le avventure di Huckleberry Finn è il libro che rileggo ogni primavera.

Passaporto: sempre pronto. Volete farmi felice? Regalatemi un biglietto aereo.

Lo sci: la libertà e l’essenziale. Per me la montagna racchiude tutto questo.

Pizza #1: la pellicola cinematografica. Il cinema è stato il mio primo amore. E ci siamo amati a tal punto da farmi fondare una casa di produzione.

Pizza #2: dalla settima arte a quella culinaria, impastare la pizza è una passione ed è divenatato il rito della domenica sera in compagnia di amici.

Vino: se non ti piace il vino allora non sei un creativo. Ecco.

Supereroi: se avete una decina di giorni liberi vi spiego perché adoro i Supereroi…

NY: New York è vibrante, detonante e creativa come nessun’altra metropoli. L’ombelico del mondo al quale voglio sempre tornare.

Davide Bellucca

Fotografo e responsabile di produzione

close

Davide Bellucca

Fotografo e responsabile di produzione

Davide nasce come fotografo professionista esperto nella realizzazione di servizi di architettura, di corporate, reportage e wedding photography. Diventando da subito un professionista fondamentale all’interno di Officina38, nell’arco degli anni si specializza nel ruolo di video producer supervisionando e coordinando la realizzazione di commercials, film e produzioni video in Italia e all’estero.

Gli oggetti che mi rappresentano:

Macchina fotografica: sono un fotografo. Non potevo che mettere al centro la mia Canon 1Dx, ottima anche per la realizzazione di piccoli video.

Hard Disk: non sono nerd, sono geek. Chiavette USB super performanti e di design, hard disk capienti, mouse tecnologici. Molto utili per fare backup di video ed immagini.

iPhone: il mondo Apple mi ha completamente rapito. Da allora vivo in simbiosi con uno smartphone, tra decine di telefonate e WhatsApp al giorno. iPhone perché ha una buona camera con cui fotografare e girare anche video di backstage alle nostre produzioni video.

Auricolari (rigorosamente Apple wireless): perché adoro parlare, ma ancora di più, avere le mani libere per essere sempre sul pezzo e prendere appunti.

Calcolatrice: forse da grande farò il cost controller… non posso fare a meno di calcolare costantemente costi e budget: indispensabile quando si pianificano video productions.

Bicicletta: pedalo da almeno 15 anni… Se si gira uno shooting a Torino a volte pedalo tra un set e l’altro.

Cane: bassottina di nome Pepita.  E’ entrata a far parte della nostra famiglia da poco più di un anno, ed è già amore smisurato! Inutile dirvi che ho mille foto e videoclips di Pepita.

Marco Quattrocolo

Editor

close

Marco Quattrocolo

Editor

Dopo gli studi di Cinema al Dams di Torino, Marco capisce che tra tutti gli specifici filmici è il montaggio quello che definisce meglio la sua sensibilità artistica. In particolare quello pubblicitario.
Un costante percorso di ricerca formativa (importanti workshop nazionali sulle tecniche di narrazione al montaggio) e un duro lavoro sul campo, lo porteranno nel corso degli anni a collaborare con le più prestigiose case di produzione ed agenzie pubblicitarie italiane e straniere.

Libro (Teoria generale del montaggio): è nato tutto da lì. Ejzenstejn è stato il mio personale Big Bang. Un’esplosione d’amore  per il montaggio in tutte le sue forme… è da lì che ho deciso di intraprendere la carriere del Video Editor.

Cavatappi: mi piace il buon vino. Considero l’esperienza enologica come qualcosa di verticale e analogico. Sto anche seguendo il corso di Sommelier.

Wall-e: regalo di una persona a me cara. Come lui sono un cingolato, spesso cigolante!

Forbici: mi ricordano l’approccio sartoriale al montaggio, una materia che va ritagliata con precisione e cura.

Pupazzo: il mio ruolo di papà, centrale rispetto a tutto. Mi piace giocare con mia figlia con quei  giochi che sanno un po’ di antico.

Matita senza mina: estetica, leggerezza e funzionalità. Mi restituisce il sapore di una scrittura agile e leggera.

Orologio Neff: il tempo colorato degli anni ottanta. Quello delle scadenze a cui oppongo il tempo che reinterpreto costantemente. Il montaggio è in questo senso un’occasione imperdibile per poter ridefinire le cose…

Fumetto (Patience): Jack Barlow è incacchiato perché gli hanno tolto l’amore. Per vendicarsi è pronto a tutto, anche a viaggiare nel tempo.

Pallone volley: il mio sport preferito. Declinato ovviamente al femminile.

Sciarpa Fenera Chieri: la squadra della mia città. Sono uno degli ottantasei Fedelissimi. Impegno, lacrime e corde vocali. E una squadra ahimè ancora a zero punti.

Crew:

la nostra squadra!

close

Crew:

la nostra squadra!

Gaffa: il nastro che usano i nostri elettricisti e macchinisti sul set. Sappiamo sempre come muoverci, e sappiamo dove fermarci.

Lampadina: lavoriamo con elettricisti e maestranze da set che hanno sempre un’idea originale.

Ping Pong: siamo seri: tra un set e l’altro, ci dobbiamo sfogare un po’!

Cuffie: collaboriamo con fonici meravigliosi. Sanno ascoltare tutto, anche le nostre esigenze.

Dù birre: dopo ogni set è rito brindare e rilassarci tutti insieme. E le prime birre che stappiamo, sono sempre per i clienti.

Lego: abbiamo scenografi e attrezzisti che si inventano soluzioni impensabili.

Data Manager: il porta schede di memoria su cui registriamo tutte le riprese.  Lo difendiamo con la vita.

Accendino: pronti a ogni evenienza. Ci sarà sempre qualche attore sul set che ha dimenticato il suo.

Cactus: giriamo ovunque nel mondo. In tutti i sensi.

Carta e penna: brief, script, sceneggiature. L’ABC di ogni storia.

Camioncino della Canon: la produzione. Sempre con trasporto, permette agli altri professionisti di fare un gran lavoro.

Macchina da presa: il nostro simbolo. Non prendersi troppo sul serio è un arte che ci permette di accogliere critiche e migliorarci, e lavorare sempre con registi che stanno al gioco.

Storyboard: l’approccio professionale al lavoro. Che sia per uno spot o un film, è da qui che ogni storia prende vita.

Ciak: siamo sempre pronti a girare in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo.

Oh, fuck!: niente panico. In produzione troviamo sempre una soluzione per tutto.

Microfono: la post-produzione. Uno dei momenti più creativi e delicati.

Batteria: siamo sempre carichi al massimo per ogni produzione. E stracarichi di batterie.

Cutter: i nostri attrezzisti e scenografi. Affilati e precisi.

Righello: siamo rigorosi. Noi, come i professionisti con cui lavoriamo.

Sei curioso? Scrivici!

Collaboriamo da anni con persone e brand coraggiosi.
Sarebbe bello creare qualcosa anche con te!

info@officina38.com