Location management: anche i luoghi raccontano storie

Le strade di una grande metropoli, una piscina olimpionica, il bar che sembra uscito dagli anni ’50 o il deserto sconfinato.

Trasformare un obiettivo di marketing in una storia affascinante è quello che sappiamo fare meglio, ma tutto deve essere ambientato nel luogo giusto: le storie vivono in simbiosi con il luogo in cui vengono raccontate, che deve saperle contenere ed amplificare allo stesso tempo. Che ne sarebbe del “Gran Budapest Hotel” se Wes Anderson non avesse avuto in mente il posto perfetto? Lo stile grottesco ed originale del film è merito anche della location, protagonista assoluta del racconto. Per ricrearla, il team di produzione ha visitato numerosi hotel davvero esistenti e  l’idea degli interni è arrivata dal grande magazzino tedesco Görlitzer.

Professione: location manager.

Il location manager è la figura professionale che si occupa della ricerca del luogo perfetto per poter raccontare una storia, un professionista “dallo sguardo aperto”, che riesce a scovare o ricreare il posto perfetto per ambientare ogni situazione.

Lo scouting è la fase preliminare del lavoro e consiste nella ricerca fisica di strade, palazzi storici, case private, angoli della città che vengono minuziosamente catalogati: il  bravo location manager è quello che fotografa e poi annota nel suo personale archivio nomi, indirizzi e caratteristiche di ogni posto, ma – soprattutto – sa guardare il luogo in cui si trova in tutte le sue sfumature, immaginando già che tipo di situazione potrebbe contenere.

Una città come Torino, dove si gira davvero tantissimo tra film e serie tv, se “vestita” nel modo giusto può diventare l’Argentina oppure trasformarsi immediatamente in Parigi. Tutto quello che manca per rendere la location davvero perfetta viene costruito ad hoc: in “Profondo Rosso” Dario Argento pensava ad un bar dalla forma uguale a quello visto in un quadro di Edward Hopper, che fu ricostruito esattamente uguale in Piazza CLN.

Quando si lavora ad una nuova produzione, il location manager per prima cosa legge la sceneggiatura, esattamente come se fosse un libro, per riuscire ad entrare dritto nello sguardo del regista e visualizzare gli ambienti adatti ad ogni scena: in questa fase del lavoro è lo scenografo il grande interlocutore del location manager, colui che dà l’impianto artistico e visivo della sceneggiatura.
L’obiettivo comune è quello di compilare una lista di luoghi a partire dall’archivio personale del location manager, che fa una serie di proposte sulla base delle richieste della produzione fino a che… si fanno – letteralmente –  i conti con la realtà.

Bello, ma… quanto mi costa?

La location perfetta è quella che mette d’accordo le ambizioni artistiche del regista con le esigenze pratiche, i tempi e i budget della produzione. Oltre alla parte artistica è necessario tenere in considerazione tutti gli aspetti pratici e burocratici: il location manager si occupa anche della parte contrattuale e finanziaria. Coordinare le giornate di produzione, far rispettare il contratto e gli orari pattuiti, gestire le autorizzazioni rilasciate dagli enti pubblici sono tutti compiti che il location manager svolge prima e durante la fase di riprese.
C’è bisogno di inscenare un incendio o un tamponamento? Occorre avvisare i vigili del fuoco e la polizia.

Dobbiamo girare in una strada in centro città in pieno sole ma domani pioverà a dirotto? Serve pensare subito ad una alternativa.

Per tutto il tempo delle riprese, il location manager rappresenta il punto di contatto tra la proprietà, l’amministrazione locale, la produzione e il suo lavoro continua anche dopo l’ultimo ciak: lo spazio deve essere lasciato esattamente come lo si è trovato, per poter tornare se stesso e accogliere una nuova storia.

Abbiamo il luogo perfetto anche per il tuo prossimo video

Qui in Officina38 siamo tutti dei grandi viaggiatori e ci portiamo stretti negli occhi i posti che abbiamo visitato e quelli dove abbiamo girato le scene più belle, scelte in collaborazione con i nostri location manager di fiducia: quella volta che abbiamo realizzato la promozione degli sport estivi del comprensorio di Cervinia, quando siamo volati a Bangkok a raccontare storie di persone, di sport, di passione per Adidas oppure quando intorno a noi avevamo solo il deserto del Mojave, California, che con eleganza e silenzio si intonava perfettamente alla Maison Missoni.

Che ambientazione immagini per il tuo prossimo video? Dove si trova il tuo cliente ideale o dove vorrebbe essere grazie al tuo prodotto? Raccontacelo e noi lo trasformiamo in realtà.

 

Collaboriamo da anni con persone e brand coraggiosi. Sarebbe bello creare qualcosa anche con te!

Inviaci una mail a info@officina38.com o vieni a trovarci per un caffè in via Saluzzo 45/G a Torino.